Lo Spillatore per birra migliore

Siamo un popolo di bevitori, eh si, ma di bevitori di qualità, ecco perché siamo anche tra i più grandi produttori di vino al mondo, pensandoci è davvero strabiliante, perché l’Italia è davvero molto piccola, ma nonostante ciò siamo riusciti a trasportare in giro per il mono la nostra amata dieta mediterranea, la quale contempla l’assunzione di verdura, frutta e legumi in quantità, con dosi di carne e pesce, che si concludono con un bel bicchiere di vino o di birra.
Ora, mentre il vino si assaggia da l bicchiere e basta una bottiglia di vetro per gustarlo al top, per la birra il discorso cambia notevolmente, perché da un bicchiere di birra uscito dallo sobillatore a quello versato dalla bottiglietta ci passa un oceano, e i buon intenditori possono ben capire a che cosa mi riferisco.

Se si ha una grande passione per la birra, questa bevanda rise ad essere gustata al massimo quando spillata, e fino a qualche decennio fa il tutto non poteva avvenire tra le pareti domestiche, ma ad oggi esistono delle versioni che possono essere usate anche a casa, sfruttando gli stessi principi di quelle professionali solo in formato ridotto. Lo spillatore birra funziona in maniera moto semplice, nel senso che la maggioranza funziona attraverso un meccanismo di pressione che pompa la birra al beccuccio dalla quale poi viene pillata, con la sua caratteristica schiumetta Bianca. Ovviamente non sono tutti uguali, e molti spillatori, soprattutto nei pub vengono posizionati in maniera tale da rendere il lavoro molto semplice, e il beccuccio aiuta a spillare la birra nel modo giusto.

Tutto ciò richiede anche mani abili, nel senso che potrebbe capitare soprattutto agli inizi di non sapere come spillare nel modo giusto, solitamente si utilizza la tecnica del bicchiere inclinato, in maniera tale da impedire il formarsi di sola schiuma. Inoltre, la birra che esce da un barile nuovo, ha bisogno di due tre prove prima di risultare in un bicchiere fatto bene con poca schiuma, la stessa cosa vale quando la birra sta finendo, perché esce solo schiuma e la sua fuoriuscita non è più omogenea.

Come si utilizza?

Nella maggioranza dei casi, ci si trova davanti a birra contenuta in barili e in questo caso la cosa migliore da fare utilizzare il rubinetto, che dal canto suo può essere fatto utilizzando materiali diversi, dall’ottone (il preferito molto tempo fa) all’acciaio, passando per il legno. Il primo nominato, era quello preferito, ma a causa del fatto che potrebbe contaminare la birra non si utilizzare più nei sistemi moderni, e si preferisce l’acciaio e il legno.

In molti paesi, si utilizza ancora un vecchio metodo per spillare, chiamato tall font, che consiste nell’erogazione della birra tramite un rubinetto a sua volta collegato ad un motore che spinge la birra in superficie. In altri casi, c’è una pompa vera e propria che aziona il tutto, il tall font viene infatti utilizzato nel Regno Unito, molto amato in Scozia.

Yogurtiera per yogurt fai da te

Si tratta di uno strumento davvero molto utile, che permette di preparare degli ottimi yogurt fai da te, direttamente dalla tua cucina, e potrai anche conservarlo in frigorifero. Lo yogurt piace ai grandi e ai piccini perché ha dei gusti assortiti, e alcuni vanno per la maggiore tra i più piccoli, mentre altri gusti, come quello greco, sono preferiti dagli adulti. Lo yogurt è un alimento che fa molto bene al nostro corpo, perché contiene moltissimi lactobacilli, cioè batteri buoni, che migliorano la nostra digestione. Inoltre, rispetto agli altri latticini lo yogurt è quello che riesce ad essere assimilato meglio, e questo significa che si digerisce molto facilmente e i suoi nutrienti vengono assorbiti in maniera completa.

Rimando sulle qualità benefiche dello yogurt, questo alimento si vanta di poter migliorare le funzioni gastro-intestinali, e non importa il gusto che si sceglie, questo fa solo parte di un punto in più a favore di questo gustosissimo prodotto.
Quindi, si ottiene semplicemente dalla fermentazione del latte, che crea i lactobacilli dei batteri che aiutano il nostro organismo a funzionare meglio, velocizzano la digestione e aiutano il nostro intestino a mantenere una funzionalità regolare. In particolar modo, la vitamina B eu contenuta in alte concentrazioni in questo alimento, molto importante per rafforzare i nostri muscoli e il sistema nervoso.

Una volta preparato lo yogurt al gusto che si desidera, sarà possibile conservarlo in frigorifero per massimo quattro giorni, per questa ragione sempre meglio non esagerare quando si prepara a casa con la yogurtiera. Per prima cosa, partendo dagli ingredienti, per preparare lo yogurt serve il latte, e i bacilli che possono essere acquistati separatamente e permettono di velocizzare il processo di conversione; l’alternativa sarebbe quella di acquistare dello yogurt bianco e utilizzare la yogurtiera per mescolare altri ingredienti e lasciare che lo strumento prepari uno yogurt delizioso, dal gusto che più ci piace.

Come è fatta una yogurtiera?

La composizione di una yogurtiera è abbastanza semplice, e questo perché in realtà si tratat a di un prodotto semplice anche da utilizzare, e si intuirà al volo come funziona. Solitamente si presentano con un diametro di piccole dimensioni ed è formata da il motore, che si aziona semplicemente on/off , il corpo motore funge da termos, permettendo al latte di riscaldarsi raggiungendo la temperatura per permettere la sua trasformazione in yogurt. I vasetti in dotazione possono avere delle grandezze diverse, fino a raggiungere il contenitore da un kg per chi necessita di molto yogurt.

Inoltre, la yogurtiera procede da sola nel suo lavoro r di trasformazione, una volta accesa, basterà farla funzionare per qualche ora, per riuscire ad ottenere uno yogurt perfetto. Più tempo si lascerà lo yogurt al suo interno, e più l’alimento diventerà compatto ma anche più acido, quindi tutto dipende dai gusti personali, dopo due o tre tentativi si riuscirà a trovare il tempo perfetto, per lo yogurt più gustoso. Infine, non esiste limite di prova con gusti e aromi diversi, quindi via alla sperimentazione fai da te!

Cosa sono gli omega 3 e perché fanno bene

Fino a qualche tempo fa erano davvero poche le persone che conoscevano queste sostanze s la loro funzioni, ma nel giro di qualche tempo, cominciando dalle erboristerie fino ad arrivare a negozi di supplementi e integratori alimentari, gli Omega 3 hanno cominciato a farsi spazio tra gli scaffali, e ad oggi anche molti prodotti al superamento riportano la presenta di queste sostanze nei nostri alimenti. Si tratta di sostanze necessarie al corretto funzionamento del nostro corpo, gli acidi grassi essenziali o Omega 3, che aiutano il nostro organismo a rimanere in salute, particolare modo ci sono 3 tipi di Omega 3 che riescono a dare particolare beneficio al nostro corpo, e si tratta dell’acido alfa-linolenico (ALA), l’eicosapentaenoico (EPA) e quello docosaesaenoico (DHA);

il primo ha origine vegetale, mentre gli altri due si possono anche trovare in certi tipi di pesce e nelle micro alghe. In particolar modo, la seconda e la terza tipologia riportate, sono quelle che riescono ad agire in maniera più positiva sul nostro organismo, si tratta di Omega 3 in grado di prevenire afflizioni cardiache, osé e muscolari, nonché di prevenire infiammazioni. Nel cervello svolgono una funzione davvero molto importante, responsabili di regolare i nostri comporta menti e le nostre capacità cognitive, diventano particolarmente importanti durante la gravidanza, in quanto possono incidere sulla salute del bimbo, quindi meglio assicurarsi di assumere alimenti ricchi di questi acidi grassi essenziali, in particolar modo in gravidanza.

Gli omega 3 non sono gli unici ad operare come acidi grassi essenziali, e sistema anche un altra famiglia degli stessi chiamata omega 6, e per mantenere un buon equilibrio nel nostro corpo, serve assicurarsi di un buon bilanciamento di entrambi gli acidi essenziali. Sembrerebbe infatti, che molte patologie moderne, sviluppatesi soprattutto nei paesi industrializzati, sarebbero principalmente causati dalla nostra dieta sbagliata, eccessivamente ricca di Omega 6 e povera di omega 3, e questo squilibrio purtroppo ha degli effetti dannosi al nostro corpo, e a lungo andare portare anche a malattie ed infiammazioni. Al contrario, una dite equilibrata, nella quale si assumono questi grassi in quantità equilibrata, porta molti benefici alla nostra salute, per cui si tratta di seguire i consigli della dieta mediterranea, considerata un vero e proprio tocca sana in materia.

La salvezza della dieta mediterranea

Cambiare regime alimentario quindi porterebbe enormi benefici al nostro corpo, perché grazie ad una dieta ricca di entrambi gli acidi grassi, il nostro organismo godrebbe dei benefici appena elencati qui sopra. La dieta che rispecchia in maniera perfetta questo equilibrio è la dieta mediterranea, che riesce a rapportare una quantità ottimale di omega 3 e omega 6, e da recenti studi è stato rilevato che chi segue questo regime alimentario, non è soggetto a malattie cardiache. Verdure, pesce, legumi, frutta, cereali e olio extravergine con un buon bicchiere di vino rosso, ecco la ricetta per mantenere un giusto apporto di acidi grassi essenziali.

Espresso da bar con la macchina per caffè domestica

Sembra possibile poter fare un ottimo caffè espresso anche a casa propria, e non mi riferisco alle caffettiere tradizionali, sempre presenti in tutte le nostre case, ma a differenza delle macchine per espresso da bar, le caffettiere tendono a fare un caffè più acquoso e lungo, e soprattutto senza crema. Cambia quindi la consistenza, il fatto che il caffè faccia la crema oppure no, e anche il gusto se consideriamo il discorso completo. Ad oggi la tecnologia domestica, ci ha dato la possibilità di avere lo stesso tipo di caffè ma a casa nostra, e le macchine per caffè variano secondo il tipo di funzionamento che hanno. Vi sarà probabilmente capitato di trovare delle macchine da caffè, che assomigliano molto a quelle dei bar, ma solo in formato più piccolo, con appositi contenitori con manico da poter utilizzare per fare il vostro espresso domestico.

Queste macchine da caffè sono spesso accessoriate con il beccuccio per montare il latte, potendo preparare anche deliziosi cappuccini, e se avrete anche del cavo in polvere, sarà come gustare dei cappuccini da bar. Si tratta di macchine da caffè che sul mercato sono presenti a prezzi davvero molto vantaggiosi, e con accessori da poter integrare successivamente all’acquisto. Tra le ultime trovate,mèche stanno davvero spopolando questo commercio troviamo le macchine per caffè che funzionano con le capsule, si tratta di sistemi innovativi, che hanno hanno forme esteticamente molto moderne, e sono in grado di preparare ottimi caffè. Queste cialde sono anche a disposizione in tantissimi sapori diversi, e si potrà così gustare un caffè all’aroma di cacao oppure di caramello, vaniglia, cannelli e molti altri gusti.

Il pro di queste macchine consiste nella qualità del caffè, e nel costo del dispositivo, il contro il costo delle cialde che varia da marca e tipologia, ma si aggira sempre su qualche decina di centesimo, rimane sempre meno costoso del caffè che beviamo al bar. L’ultima tipologia è la macchina per caffè a chicchi, molto più professionale rispetto alle altre due menzionate qui sopra, e ha un funzionamento molto simile alle macchine professionali da bar, quindi in grado di preparare ottimi caffè. Per gli esperti ed appassionati, questa macchina da anche la possibilità di preparare miscele personalizzati, quindi aromatizzare con gli ingredienti che si desiderano il proprio caffè; ovviamente, si tratta di macchine che hanno un costo medio maggiore di quelle precedentemente menzionate.

Accensione e spegnimento

Per chi non lo sapesse, la maggioranza dei bar, la sera lava e spegne la macchina del caffè, e questo anche per presentare i costi di consumo elettrico, e la stessa cosa dovrebbe essere fatta a casa, se si dispone di una macchina per caffè perché la pulizia la manterrà in buono state e in buono stato funzionale per lungo tempo.

Ora, a differenza dei bar, a casa non dobbiamo fare il caffè in maniera così frequente, per questa ragione sarebbe sicuramente meglio spegnere la macchina, e accenderla solo prima di utilizzarla, aspettando qualche minuto per far riscaldare l’acqua. Infine, se al contrario, si acquista una macchina per caffè da usare in ambienti come uffici, si consiglia di tenere la macchina sempre accesa.

I benefici della Maca

Una pianta magica, quasi miracolosa, in grado di poter essere utilizzata come cura per diverse afflizioni che colpiscono il nostro corpo, si tratta di una pianta del tutto unica nel suo genere è che cresce il condizioni climatiche molto dure.
La Maca Peruviana è una perenne che gode del grandissimo vantaggio di avere una forma costituzione, cresce nelle Ande sotto un clima molto rigido, e sono proprio le popolazioni andine che ci insegnano le sue grandissime proprietà. Di questa pianta, si utilizza la sua radice, forse anche per questa ragione viene spesso associata al ginseng, chiama infatti, ginseng peruviano, gode di moltissime qualità, una radice che offre un completo fabbisogno per il nostro organismo. In grado di aumentare la forza e la resistenza, ma senza contenere sostanze eccitanti naturali, e nello stesso tempo, è in grado di assicurare aumento della memoria e della concentrazione, quindi un ottimo aiuto al miglioramento del nostro sistema nervoso.

Ottima per gli studenti che sono sotto esame, a differenza del guarana, per esempio si tratta a di un sostituto meno invasivo, ma altrettanto potente nell’assicurare ore di concentrazione, senza sentire troppa fatica, un vero salva vita, sotto periodo esami. I nutrienti contenuti all’interno della Maca sono davvero strabilianti, alcuni tra questi, come gli aminoacidi essenziali e alcune vitamine la rendono una pianta dalle qualità energizzanti, anti-fatica, che aumenta la nostra resistenza fisica e la nostra massa muscolare, può essere anche utilizzata in giuste quantità, per aumentare i nostri muscoli. Lo stesso può applicarsi al nostro sistema osseo, perché la Maca è ricca di calcio e sali minerali, quindi ossa sane e più robuste, ottima durante la gravidanza e nella cura di malattie ossee oppure sintomi dell’influenza.

Sembra che le sue qualità non si fermino qui, i benefici maca sono bene conosciuti grazie alla sua capacità di aumento della fertilità, perché agisce positivamente su un corretto funzionamento del nostro sistema ormonale, e la stessa cosa per gli uomini si tratta di una radice che aumenta il livello di fertilità di entrambi. Dalle nostre parti, non si sente moto spesso parlare di questa radice, solitamente chi si interessa di cure erboristiche oppure omeopatiche potrebbe averne già sentito parlare, in ogni caso, si tratta di una scoperta davvero molto interessante, perché si tratta di una radice che può essere utilizzata per moltissime funzioni diverse, e non sembrano esserci controindicazioni, dato che non presenta sostanze come caffeina o altro, che potrebbero recare disturbo.

Come si può assumere?

Il modo migliori per assicurarsi di acquistare della vera Maca, la cosa migliore da fare è rivolgersi ad erboristerie e farmacie che offrono medicinali omeopatici, anche online ma sempre meglio da un rivenditore ufficiale, e in capsule gel oppure compressa. In commercio, è anche possibile acquistare la versione in polvere della radice, e strano a dirsi, ma gode di un sapore dolce, quindi può essere assunta con yogurt, bevande e frullati. Si tratta di ottima risorsa naturale da tenere vivamente in considerazione, è da aggiungere il più presto possibile sugli scaffali delle cucine.

La macchina sottovuoto adatta

Le macchine per sottovuoto permettono di conservare gli alimenti in tutta sicurezza, si tratta di uno strumento in grado di conservare gli alimenti senza aria al loro interno, e questo permette di raggiungere tempistiche lunghe di conservazione. L’aria dell’atmosfera è ricca di batteri, molte volte basta solo lasciare fuori dal frigo alimenti scoperti, per fare in modo che si riempiano di batteri, mentre togliendo l’aria si minimizza anche la presenza di batteri, e si può conservare il cibo per molto tempo. Anche se solitamente, per siamo alle macchine sottovuoto per le nostre cucine, questo strumenti esiste in versioni diverse, anche per permettere di posare vestiti e cappotti ingombranti in sacchi sottovuoto, che riescono anche a ridurre le dimensioni, quindi minimizzando l’ingombro dei nostri vestiti. L’ideazione di questa macchina ha profondamente cambiato il modo di conservare alimenti e altri prodotto, rendendo la conservazioni degli alimenti molto più sana, e di altri prodotti molto meno ingombrante.

Le macchine per sottovuoto sono diverse tra loro, quindi per riuscire a fare la scelta giusta, la miglior cosa rimane conoscerne le caratteristiche e le differenze.
Partiamo con lo spazio, perché di solito queste macchine hanno dimensioni diverse, anche rispetto al tipo di lavoro che sono destinate a fare, quindi si parte con modelli base a misure standard, fino ad arrivare a macchine sottovuoto molto più grandi, dipenderà molto dal tipo di esigenza, in ogni caso, si tratta di strumenti molto invitanti, anche da un punto di vista estetico, e quindi non guasterà anche lasciarli semplicemente sul tavolo. Molto leggere, le macchine sottovuoto, sono create con materiali diversi, e se si punta ad una macchina robusta, sarebbe meglio optare per acciaio, che dura molto e non ha bisogno di eccessiva manutenzione, rendendo questo strumento molto robusto e duraturo.

Le forme sono standard, nel senso che, solitamente le macchine sottovuoto hanno una forma rettangolare, e sono state create per essere utilizzate in totale semplicità, quindi si appoggiano facilmente a qualsiasi superficie liscia e stabile. Inoltre, le macchine sottovuoto hanno a disposizione accessori, che potrebbero diventare davvero molto utili, come per esempio, i sacchetti e la loro resistenza, in ogni caso, un kit di accessori, molto probabilmente sarà sinonimo di macchina qualitativa quindi fare particolare fare attenzione a questa parte, in maniera da evitare acquisti sbagliati.

I sacchetti sono importanti

Infine, uno spazio lasciato alla fondamentale caratteristica che dovrebbero avere i sacchetti sottovuoto, perché oltre alla funzionalità della macchina, bisogna anche pensare ai suoi accessori, e non esisterebbe macchina per sottovuoto senza sacchetti nei quali poter conservare ciò che si vuole mettere sotto vuoto. Per cui i sacchetti sono davvero fondamentali per la macchina sottovuoto, e possono variare anche secondo il tipo di alimento o prodotto da conservare, e bisogna assicurarsi di sigillarlo bene, altrimenti non sarà in grado di tenere gli alimenti sotto vuoto. Quindi si consiglia di scegliere buste robuste e resistenti, adatte al tipo di prodotto che si vuole mettere sotto vuoto.

Perché fa così bene il cloruro di magnesio?

Il cloruro di magnesio è una soluzione salina presente nei cereali integrali, nell’acqua del mare, soia, cioccolato e alcuni tipi di legumi. Nel nostro paese, questa sostanza si trova sotto forma di granuli bianchi e si tratta di una sostanza benefica dalle mille proprietà, che per manette re intatte bisogna fare attenzione che non assorba umidità, perché in questo modo si rischia di fargli perdere tutti i suoi benefici. Quindi, si tratta di una sostanza fondamentale per il corretto funzionamento del nostro corpo, e la sua mancanza nel nostro organismo può portare a diverse afflizioni e mancanze vitaminiche e minerali, e le sue funzioni si possono utilizzare a 360 gradi per la cura del nostro corpo.

Ad oggi si può assumere in maniera diversa, sono disponibili capsule, può essere preso disciolto in acqua, oppure integrato ad altre sostanze come lo zinco, altro minerale molto importante per il corretto funzionamento del nostro corpo.
Il cloruro di magnesio può utilizzato per curare diverse afflizioni corporee, e alcune gravi malattie, perché le sue componenti attive e nutritive sono in grado di dare un aiuto prezioso al nostro sistema immunitario, si tratta infatti di un ottimo tonificante per la massa muscolare e aiuta a migliorare il funzionamento del nostro sistema nervoso.

Inoltre, le proprietà cloruro magnesio sono adatte alla cura di infezioni come il tetano e di altre malattie degenerative, cioè quelle che tendono a peggiorare con il passare degli anni, e la stessa cosa vale per la cura di lesioni causate da vaccini. Inoltre, il cloruro di magnesio viene. Utilizzato anche per curare infiammazioni respiratorie, come bronchiti o asma, e aiuta anche il nostro apparato digerente, diventa infatti un ottimo integratore per velocizzare la nostra digestione, e favorisce un corretto funziona metto del nostro corpo. Infine, si tratta di un ottimo ricostituente, che aiuta a riacquistare energia e forza di malattie molto gravi, che colpiscono soprattutto i bambini, come il morbillo o la scarlattina, per intenderci.

Il cloruro di magnesio viene anche utilizzato per prevenire l’insorgere di tumori, o come cura parallela, per aiutare il fisico a migliorare il suo sistema immunitario, e facilitarlo a riacquistare le forze. E la stessa cosa vale per la ottima funzione che svolge per il nostro apparato osseo, infatti il magnesio ha anche la grande prerogativa di riuscire a migliorare le condizioni delle ossa, rendendole più forti. Ma le ottime notizie non finiscono qui, il cloruro di magnesio diventa anche un ottimo anti depressivo naturale, riuscendo ad agire positivamente sul nostro sistema nervoso.

Quanto durano gli effetti e ci sono controindicazioni?

Il cloruro di magnesio ha delle capacità benefiche fino a che si provvede a prenderlo, infatti i suoi effetti spariscono dopo un po che si è utilizzato, per questa ragione la cosa migliore da fare sarebbe quella di consultare il pop rio medico per verificare che serva, e per quanto tempo sarebbe meglio prenderlo, perché si può utilizzare anche solo come supplemento, per certi periodi, ma per non strafare sarebbe meglio consultare il rapido medico. Infine, sarebbe meglio consultare il medico, anche per non rischiare di assumerlo in quantità eccessive, perché ciò potrebbe determinare una diminuzione di acetilcolina nel nostro corpo, utile per manette re il nostro sistema nervoso e musicale in ottima forma.

Valigie per viaggi intorno al mondo

Le valigie migliori per il prossimo viaggio, non è mai una scelta facile, sono molti i fattori che possono condizionare la scelta di una valigia, rispetto ad un altra, tutto ciò perché il mercato dei viaggiatori è zeppo di Marche e modelli diversi, e tutto poi dipende essenzialmente dal tipo di utilizzo che se ne intende fare. Le valigie variano per materiale, dimensione e utilizzo, per cui c’è ne sono così tante proprio perché il mercato vuole andare incontro alle esigenze dei clienti, per questa ragione deve essere chiara il tipo di necessità che si ha. Le valigie rigide sono quelle che si adattano meglio al viaggio in aereo, perché sono fatte da materiali molto resistenti, ecco perché si chiamano rigide, e sono a disposizione in moltissime dimensioni diverse. Si tratta di una scelta ottima se si vuole preservare lo stato di ciò inserito all’interno della valigia, perché le pareti rigide faranno in modo di attutire i colpi, e quindi tutto risultare a molto semplice.

Le valigie rigide sono create con materiali molto robusti, che resistono al caldo e al freddo, molto frequentemente anche impermeabili, e con sistema di sicurezza, che può essere lucchetto, ma nella maggioranza dei casi si tratta di inserire dei codici all’interno di sicurezza, come se fosse una piccola cassaforte, per intenderci. Queste valigie sono a disposizione in forme diverse, partiamo con le più classiche valigie orizzontali, che si trovano sempre di dimensioni consistenti, al loro interno offrono molte tasche e scompartimenti per poter mettere qualsiasi cosa si desideri, in maniera tale da poter dividere indumenti e altri prodotti, che si vogliono portare con se.

Una grande rivoluzione di ergonomia viene rappresentata da bagaglio a mano rigido, una vera rivoluzione nel mondo delle valigie rigide, perché la loro forma e dimensionata t infatti di valigie verticali, ha permesso ai viaggiatori di godere di maneggevolezza e praticità anche duranti viaggi lunghi. Per prima cosa, si tratta di valigie verticali, quindi occupano molto meno spazio di quelle orizzontali, e tutti trolley hanno il grande vantaggio di aver delle comode ruote sulle quali poterle portare in giro con se. In commercio, si trovano trolley per tutte le necessità, anche da un punto di vista estetico, così come materiali, perché sicuramente quelli più robusti sono rigidi, ma esistono anche ottime chance di scegliere un prodotto qualitativo morbido.

Le valigie super morbide

Le valigie morbide rappresentano una ottima scelta, nel caso non sia troppo sicuri del tipo di viaggio da fare, nel senso che, rispetto a quelle rigide pensavo molto di meno, e solitamente si trovano a pezzi migliori sul mercato; questo non vuol dire che non ci siano valigie morbide qualitative, al contrario rispetto a quelle rigide, le valigie morbide si tritano sotto forme diverse, e non di classica valigia, ma anche come pratici zaini, perfetti per escursionisti o per viaggiatori avventurosi.

Le più classiche valigie morbide sono i borsoni, quelli che si tu lizzano anche per andare in palestra e si tratta di un ottimo aiuto, perché hanno una capienza molto buona, ma dalla loro, molte volte non sono provvisti di rotelle, per cui non priori semplici da portarsi in giro. Al contrario degli zaini che si dimostrano pratici, utilizzi, è molto comodi, riuscendo ad assolvere moltissimi compiti importanti, e con moltissime tasche e porta oggetti, che diventano essenziali in circostanze come il campeggio o nel vero viaggio avventura.

Il ciclocomputer per lo sport preferito

Molto probabilmente, chi pratica già qualche sport all’aria aperta, facendo un percorso, ha già un utilizzato un contachilometri, cioè uno strumento ideato per calcolare la distanza, la velocità e forse ancora qualcosa che ora mi sfugge. Ovviamente, la tecnologia ha fatto dei veri e propri passi da gigante nel mondo sportivo, e ad oggi, moltissimi sportivi utilizzano il ciclocomputer,
uno strumento che a differenza del remoto contachilometri, riesce a svolgere moltissime funzioni, alcune più curiose che utili, ma vale davvero la pena avventurarsi in questo mondo innovativo. Nascono principalmente per i ciclisti, ma in realtà possono anche serre utilizzati da chi fa escursionismo, lunghi percorsi o tracciati, per cui si adatta moto bene allo sport che si pratica outdoor.

Il ciclo computer è uno strumento creato per semplificare il tragitto di uno sportivo, permettendogli di visualizzare tutto sul manubrio della bici o sul polso, le funzioni che assolve sono moltissime, partendo dal calcolo della distanza e della velocità, ma se fosse solo questo sarebbe stato uguale al contachilometri, ma le cose non stanno così. Una delle grande prime rivoluzione del computer per bici consiste nel fatto che al suo interno, dispone di sistema GPS integrato, un grande alleato per lunghi tragitti, che permette di dare le indicazioni stradali allo sportivo grazie alla facile visualizzazione della mappa e del percorso consigliato, con la nostra posizione, quindi un accessorio davvero molto utile, che ha semplificato il modo di fare agonismo, velocizzando i tempi ed assicurando percorsi migliori, sempre al fianco dello sportivo.

Il tutto si visualizza molto semplice, grazie al display di dimensioni ottimali, che permette di visualizzare la posizione con un click. Esiste la possibilità di scaricare la mappatura da siti appositi, oppure si può anche optare sulla realizzazione di percorsi e mappe personalizzate utilizzando Google Earth. Prestare sempre molta attenzione alla mappatura, perché si tratta di un aspetto davvero molto importante, soprattutto se si opta per percorsi non segnalati dalle mappe normali, e non si va su strade con segnaletica apposita. Quindi se si decide di fare tanto escursionismo o trekking con la bici, la mappatura diventa fondamentale, se non si dovessero trovare mappature che ci interessano, si posso fare foto e creare la propria mappatura, impegnativo ma molto divertente.

Crea un database di mappatura

Forse non vi è mai capitato di perdervi durante un viaggio oppure un tragitto di trekking, a me si è anche molte mie conoscenze, e se solo avessimo avuto un ciclo computer, tutto ciò non si sarebbe mai verificato, ora, si può anche optare per la realizzazione di percorsi fai da te diciamo. Non tutti i sentieri sono segnalati da Google Earth, allora se si decide di crearsi il proprio percorso, si può optare per la registrazione delle tracce durante la corsa o la pedalata, e nel giro di qualche tempo, potrete divertirvi e rimanere in forma, andando per i tragitti che avete creato voi stessi, con la comodità del vostro ciclo computer gas che segnalerà la vostra posizione e il percorso da seguire.

Il frullatore adatto alla famiglia

Il frullatore rappresenta un scelta molto importante come parte degli elettrodomestici della cucina, si tratta di uno strumento che serve in molti occasioni, alle prese nella preparazione delle nostre amate ricette, il problema rimane la scelta, non che sia complicata, ma il mercato è talmente affollato di modelli diversi, che vale sicuramente la pena conoscerne le differenze, per evitare semplicemente di incappare in qualche acquisto errato.

I frullatori sono composti da un corpo macchina, la parte che contiene il motore che trasmette la potenza allo strumento, questo parametro indica anche la capacità di lavoro del frullatore, quindi una buona potenza consente allo strumento di frullare o tritare anche alimenti molto duri o il ghiaccio, senza sforzo; al contrario una bassa potenza potrebbe determinare il surriscaldamento del motore che col tempo andrebbe a rompersi, se non già al primo tentativo. Solitamente il corpo motore è in plastica, ma dipende dal modello, se ne trovano anche in metallo, ma ovviamente il prezzo sale; in generale, puntare su un frullatore che ha un wattaggio compreso tra i 300 e i 500.

Il contenitore, la classica caraffa, è un elemento importante perché determina la capienza dello strumento, molto utile puntare su grandezze medie almeno, perché non si sa mai cosa si deciderà di fare frullati di frutta o tritare, una volta che lo abbiamo a casa, per cui da tenere in considerazione la sua grandezza e dimensione. Per quanto riguarda i materiali, ci sono sia in plastica che in vetro, dipende dall’utilizzo che ne si vuole fare, da tenere in considerazione, che rispetto alla plastica, il vetro, tende ad sere più fragile, ma la cosa più importante è il fatto che sia graduato, questo semplificherà moltissimo la preparazione delle vostre ricette.

Un aspetto molto importante dei frullatori è la loro sicurezza, la caraffa si assicura al corpo motore con meccanismo apposito, spiegato nelle istruzioni e la stessa cosa vale per il coperchio, l’apparecchio non si aziona se uno dei due non è assicurato nella maniera giusta, è tutto questo per evitare pericoli. Inoltre, i frullatori hanno apposite gomme antiscivolo, che permettono di assicurarli al piano della cucina. Controllare il foglietto illustrativo, ed assicurasti di utilizzare l’elettrodomestico nella maniera giusta, per evitare incidenti in cucina.

Scegliere con cura significa…

Tralasciando la parte estetica, del tutto personale, ci sono altri parametri da tenere in considerazioni, per utilizzare al meglio il frullatore domestico, e semplificare il lavoro in cucina. Attenzione alla scelta delle lame, perché la loro qualità influenzerà il funzionamento dell’elettrodomestico; mentre per aumentare praticità nel suo utilizzo optare per frullatori con parti lavabili in lavastoviglie. Si ricordano l’importanza del wattaggio e il numero di velocità a disposizione per velocizzare il lavoro e ottenere ottimi risultati, mantenendo il motore in buono stato.

Infine, un appunto particolare sulla sicurezza, assicurarsi che si tratta di un frullatore di qualità con garanzia e che abbia le caratteristiche di sicurezza sopra elencate. Detto ciò, rimane tutta la parte estetica, colori e forme, quindi ci si può davvero sbizzarrire,mando anche colore alla cucina.

Misuratore di pressione arteriosa da usare a casa

In certi casi, e per certe patologie, monitorare la pressione sanguigna diventa di importanza basilare, soprattutto perché può essere indice di afflizioni del nostro corpo.I misuratori di pressione o sfigmomanometri sono stati creati per permettere di tenere sotto controllo la pressione sanguigna, riuscendo a monitorarla tramite precise misurazioni. La pressione sanguigna è quella esercitata dal sangue, e in generale la nostre a pressione può variare diverse volte, nel giro di una giornata, in condizioni normali dovrebbe stare entro livelli prestabiliti a seconda del sesso ed età. La pressione varia facilmente perché soggetta a influenze che derivano da fattori che possono causare ai vasi sanguigni di contarsi o dilatarsi, e anche per questa ragione la pressione serve ad identificare qualche possibile afflizione cardiaca.

Quindi esistono parametri che variano a seconda dell’eta e del sesso, quindi una pressione tropo bassa o una pressione troppo alta è molto probabilmente segnale di qualche scompenso che subisce il nostro fisico, e in certi casi si può anche soffrire di pressione alta o bassa per questioni genetiche. La pressione viene calcolata durante la sistole e la diastole, cioè le fasi in cui il cuore prima si contrae e poi si rilassa, e in condizioni normali la pressione ha valori minimi e massimi, per gli adulti la minima standard ed considerata 120 e la massima 80, il valore per i neonati è decisamente inferiore, mentre superiore quello degli adulti a tarda età.

La pressione sanguigna tende ad essere un valore del tutto personale, considerando anche che varia abbastanza frequentemente nel corso di una giornata, e ciò significa che la pressione arteriosa del mattino appena ci svegliamo sarà diversa di quella dopo pranzo o dopo aver fatto dell’esercizio fisico. Inoltre, solitamente, la pressione sanguigna degli uomini tende ad essere più alta rispetto a quella delle donne, e ci sono dei casi nel cui la pressione può essere naturale te più bassa o alta. Senza che si presentino particolari afflizioni cardiache o respiratorie, quindi la pressione rappresenta un valore fortemente soggettivo.

Misuratore manuale o digitale?

In commercio, è possibile trovare diversi tipi di misuratori pressione, partendo dalle tipologie manuali, le prime utilizzate anche dai nostri medici, e sono generalmente formati da un manicotto di gomma che va a collegarsi con lo strumento che riuscirà a determinare il valore della pressione, e il bracciale viene così messo attorno al braccio sinistro, e gonfiandosi è ingrato di determinare la pressione.

Nello stesso momento avviene la lettura della misurazione, e questo avviene grazie al fatto che il bracciale gonfiandosi, blocca la circolazione del sangue e al momento che non si sente più pulsare, viene lentamente rilasciato, e in questo modo si può calcola la pressione massima e quella minima. Si tratta del valore di pressione standard che si è riuscito a calcolare fino all’introduzione dei modelli digitali, designati per riuscire a misurare la pressione in maniera meno invasiva, uno strumento in grado di misurare battito del cuore e pressione e funziona con un sistema di pressurizzazione automatica.

Power Bank: caricatore portatile Smart

I nuovi cellulari sono creati con le migliori tecnologie, sono ormai diventati fedeli compagni e alleati, capaci di aiutarci ad ottenere informazioni, a passare del tempo giocando o chiacchierando, anche gratis con i nostri amici, e nello stesso tempo offrono moltissimi servizi utili tramite le nuovissime app, destinate a ogni bisogno. Le tecnologia innovativa dei nuovi smartphone ha quindi rivoluzionato il nostro concetto cellulare che si utilizza per chiamare quando non ci si trova a casa, perché le funzioni che assolve sono davvero di mini computer che sta in tasca, diciamo.

All’interno di tutta questa tecnologia e innovazione, gli smartphone peccano di energia, forse perché le app ne usano molta, o forse perché le funzioni già esistenti all’interno dello smartphone, rendono la durata della batteria non effettiva quanto vorremmo, e molte volte capita che la loro utilità la buttiamo nel cestino, perché si scaricano molto velocemente. Ora, non capita sempre di avere con se il caricatore con filo è presa di corrente, quindi capita che protiro nel momenti in cui ci serve di più si spenga, e noi rimaniamo con le mani in mano.
Ma le cose non stanno più così, perché moltissime aziende hanno cominciato a pensare al futuro delle batterie, e allora che arrivano in commercio le batterie portatili, chiamate anche power bank, che permettono di poter rivarrete lo smartphone dovunque ci si trovi.

Questi strumenti sono stati di aiuto in due modi: per prima cosa le loro dimensioni ridotte permettono di porte ovunque e in secondo luogo di poterle collegare al dispositivo quando serve, alcuni modelli sono così piccoli da poter essere incorporati ai portachiavi, davvero un ottima alternativa. Quindi i cari tori portatili arrivano in soccorso dei momenti SOS batteria, quelli nei quali si sta cercando la strada, magari si è in viaggio, e si utilizza googlemap e succede che il cellulare si spegne, ancor prima di averci localizzato. Per andare incontro a queste e molte altre necessità, il caricatore portatile arriva in aiuto tempestivo, e riaccenderà in men che non si dica il dispositivo, dandoci un grande respiro di sollievo. In commercio ce ne sono moltissimi diversi, per forma e colore, ci si può davvero sbizzarrire con i gusti, un unico appunto riguarda la capacità di carica, attorno alla quale ruota un falso mito.

La leggenda della carica…

Si tratta di un falso mito, nel senso che sicuramente i caricatori portatili hanno aiutato moltissimo in momenti panici di spegnimento di cellulare, ma dall’altra è giusto anche far sapere della capacità di carica del caricatore è tutto questo perché solitamente non corrisponde mai a quanto detto. Bisogna tenere in considerazione che il caricatore tende a perdere energia anche solo nel trasmetterla, e la capacità di carica segnalata non è mai quella effettiva, ma leggermente inferiore. Quindi se si cerca un dispositivo potentemente fare attenzione a questo parametro nella scelta, infine, un ultimo appunto sulla temperatura, che può determinare un minore passaggio di carica, in questi termini evitare di tenere cellulare in carica a basse temperature.